May 4

Caro Michael

18 Aprile 2012
Caro Michael,
quel giorno in Piazza Castello c’erano uomini grandi e grossi in lacrime, ed ero in lacrime anch’io.
Eppure ad un certo punto, insieme a pochi altri coraggiosi, ho cominciato a ballare.
Fra la mancanza di spazio e la spossatezza credo di non aver mai ballato peggio in tutta la mia vita… Ma dovevo, perché uno come te non può essere ricordato esclusivamente col pianto:
tu non ti limitavi ad ascoltare “la danza del Creatore”, tu ne eri parte integrante.
Sulle note di Beat It ho picchiato sulla spalla di Mirella – una ragazza conosciuta pochi minuti prima – e le ho chiesto di ricreare con me la scena di lotta del videoclip. Naturalmente in mano avevamo coltelli immaginari.

Ma come si fa a spiegalo a chi non ti ha vissuto? Come si fa a spiegare l’empatia che si crea fra chi ti ama davvero?
Forse è perché la tua musica non solo si ascolta, ma si sente; forse perché le tue canzoni sono piccoli frammenti d’anima.

Da quando avevo quattordici anni ti considero uno degli uomini della mia vita; è a dir poco assurdo quanto tu sia stato capace di farmi sognare e di svegliarmi al tempo stesso! È con te che ho cominciato a capire la perversione dell’informazione odierna, ed è sempre con te che ho capito quanto sia necessario, giorno per giorno, fare del proprio meglio per guarire il mondo. Un pezzo come Earth Song può cambiarti l’esitenza.

Non sono mai riuscita a comprendere come tanti potessero detestarti; la risposta ad ogni domanda su di te era lì, nei tuoi occhi, ma probabilmente erano troppo impegnati a chiedersi a quanti interventi di chirurgia plastica ti fossi sottoposto.
La verità è che guardavano il tuo naso perché incapaci di guardare ad un palmo proprio.
La verità è che la stessa gente ti santifica, adesso che sei morto.
Ma tutte queste cose le sapevi; da un lato m’imbestialisco e dall’altro provo un’infinita tenerezza nei tuoi confronti, pensando che comunque li perdoneresti tutti.

Però quel giorno – in Piazza Castello – a salutarti c’era gente che ti amava davvero, estranea ai fiumi d’ipocrisia che già avevano cominciato a scorrere. E quando, proprio alla fine dei nostri canti, si è messo a piovere, forse a ragione o forse a torto, abbiamo pensato che stessi ricambiando il saluto.
Non molto tempo dopo ho scritto per te una poesia che rimane nel mio portafoglio da allora, minuscolo simbolo di un’enorme verità: tu sei la poesia che portiamo con noi, sempre.
I love you more
Delia

May 4

Maledetti Aforismi

10 Aprile 2012
Se Wilde l’avesse immaginato, sarebbe andato ad arare i campi col suo bel bastone da dandy.

Oltre ai poeti della domenica, si sprecano le pagine dedicate ad originalissimi aforismi: mediamente remake di frasi tratte da canzoni di Ligabue; a grandi linee riguardano quanto sia necessario credere in se stessi, l’importanza di essere veri, come chi ti si mette contro sia insindacabilmente stronzo e frustrato.
Non è contemplata l’idea che qualcuno non ti sopporti per banale antipatia, o per la tua amabile abitudine di tritare le gonadi altrui.

La voglia di riuscire a racchiudere verità universali in un’unica frase sembra aver contagiato l’intero web, e chi non produce si accoda. Migliaia e migliaia di fan per i dispensatori di luoghi comuni abbinati ad immagini pseudoerotiche!

Vi prego, basta!
Torniamo al dialogo! Torniamo ad esporre le nostre tesi argomentandole! Torniamo a stare zitti se non abbiamo una beneamata mazza da dire! Perché voler dare a tutti i costi l’impressione di pensare qualcosa di originale? È talmente poetico, quando si ha la testa vuota, stare ad ascoltare il vento che fischia fra un orecchio e l’altro…
Me ne rendo conto: impegnarsi a tirar fuori qualcosa di davvero personale è faticoso, e di rado porta ad avere millemila fan a seguire la nostra preziosissima pagina su feisbuc; ma che volete farci? Seppur giovane, sono una donna d’altri tempi: vivo davvero nella convinzione che scrivere qualcosa di valido significhi stimolare prima il cervello, poi il ditino che cliccherà sul “mi piace”.

P.S. È tutto inutile. Tanto, anche se condividi frasi di dubbio gusto sulla lealtà e la forza d’animo, chi ti conosce sa che nel quotidiano sei una merda.

May 4

Orgoglio Himmico

21 Ottobre 2012
Quasi in contemporanea riesco ad accaparrarmi un biglietto per l’Helldone, esce Strange World ed io comincio a curare la rubrica “From Hell…sinki”.
Vedere gli HIM tornare in scena a pochi mesi dal tuo trasferimento in Finlandia, provare il brivido di aprire il loro sito italiano ufficiale (www.heartagram.it) e leggere il tuo nome…
Non so se sia merito delle stelle, dell’allineamento dei pianeti, di Dio, della Dea o di Ville Valo, sta di fatto che mi sento stramaledettamente fortunata.

Questa è una storia d’amore cominciata circa sei anni or sono; allora la mia vita era molto, molto diversa ed in parte naturalmente ero diversa anch’io. Le diciottenni darkettone che avendo tre anni in più di me si sentivano donne vissute, e che ascoltando esclusivamente gruppi cult si ritenevano intenditrici di musica erano ancora in grado di farmi saltare i nervi, tanto per fare un esempio.
Detestavo il fatto che gli HIM non venissero presi sul serio artisticamente per via della bellezza di Ville.
Nel mondo del pop, in linea di massima, non si entra senza essere strafighi secondo gli standard estetici del momento. Nel mondo del rock e del metal non si viene presi sul serio se secondo gli standard estetici del momento non si è brutti; questo vale solo per gli uomini però, perché attirano ragazzine starnazzanti, e i metallari odiano le ragazzine starnazzanti. Dunque, al diavolo la musica, i gruppi da ascoltare si scelgono in base a quello che si crede sia il loro pubblico!
Roba da far venire il voltastomaco… O meglio, roba che mi faceva venire il voltastomaco quando in ambiente “alternativo” ancora mi aspettavo di trovare qualcosa che fosse effettivamente alternativo, non certo un mondo di quarterback e cheerleader, gente disposta a fare e raccontare di tutto per sembrare in, snobbanando profondamente chiunque fosse out.

Ma a me raccontare di essere fan solo dei Queen e dei Cure, per poi dormire con Love Metal sotto al cuscino non interessava. Per carità, massimo rispetto per gruppi che hanno segnato la storia della musica e grazie a cui pezzi straordinari hanno visto la luce, ma dire di amarli non può e non deve diventare un modo di mettersi al riparo dalle critiche.
Qualcuno asseriva che gli HIM fossero uno sterile prodotto commerciale, io sulle note delle loro canzoni ho sempre fatto dei viaggi mentali incredibili; molte delle cose che scrivo tuttora sono frutto di quei viaggi. Mi hanno sempre fatta impazzire i piccoli dettagli dei brani, i modi in cui si ricollegano l’uno all’altro, ad esempio l’introduzione di In The Nightside Of Eden che riprende Killing Loneliness.
Col tempo però ho capito una cosa: tutte le band sono “inutili”, suonano “pezzi che sanno di già sentito”, “non hanno inventato nulla di nuovo” e sono “un fenomeno passeggero”, fin quando la storia non le legittima.
Sì, gli HIM sono decisamente una passione passeggera per me, per questo li amo da quando avevo quindici anni e ancora oggi, oltre ad accompagnarmi nel quotidiano, mi ispirano nel mio lavoro di scrittrice.
Sono un fenomeno passeggero nel mondo della musica e non ne segneranno mai la storia, per questo sono sul punto di festeggiare i primi vent’anni di carriera, per questo molti nuovi gruppi si ispirano a loro.
Che altro dire?
Lunga vita a Sua Maestà Infernale!

May 4

Heaven

13 Agosto 2012
I know,
you don’t believe in Heaven.
You’re not going to trust me
if I say his soul
has flown.
Like snow,
your tears are going to fall:
sparkling diamonds in the night
of the world.

You’ll find your Heaven there
in memories
old pictures will become
a melody.
You’ll find your Heaven there
understanding
life is not forever
but its signs are.

I know,
you don’t believe in Heaven
but you have to trust me
if I say we can
leave now.
Like snow,
our joy is going to fall:
sparkling beauty in the night,
you’re not alone.

You’ll find your Heaven there
in memories
old pictures will become
a melody.
You’ll find your Heaven there
understanding
life is not forever
but its signs are.

You would never believe
how empty I can feel
when it’s abut your pain:
no blood in my veins.
I’ve been through the hell
you’re facing right now,
that’s why I’ll take your hand
and help you to walk out.

You’ll find your Heaven there
in memories
old pictures will become
a melody.
You’ll find your Heaven there
understanding
life is not forever
but its signs are.

Category: Arte | LEAVE A COMMENT