May 4

Desperate Housewriter – Capitolo 2: Dallo Zimbawe con Amore

6 Dicembre 2013

Diana, arrivata appena al secondo episodio, già si rende conto del fatto che la sit-com di cui è protagonista è la più lenta del mondo.
Nessuno si permetterebbe una pausa di tre mesi fra un primo ed un secondo episodio, ma lei è una radical chic, convinta che l’intellettualesimo (movimento religioso a cui tutti gli scrittori/registi snob aderiscono) unito alla noncuranza dei tempi dettati dall’epoca di internet, alla fine ripaghi.
A dirla tutta è anche una radical chick (*), convinta del fatto che la propria figaggine (quella cervellotica e quella estetica) le varrà un domani una vita sentimentale felice.
Le sue idee sono validissime, infatti è spiantata e single.
Ma non importa: al mondo serve sempre del tempo per comprendere i geni, soprattutto quando non riescono a trovare un modo di uscire dalla lampada.

Arrivata a questa battuta di una tristezza francamente imbarazzante, si rende conto di avere bisogno – come in tutte le sit-com che si rispettino – di qualche co-protagonista . Per questo, cercando di introdurre il nuovo personaggio con naturalezza, impugna il telefono e chiama Barbara, l’amica di sempre (cercando di tenere lontani dalla mente Ale & Franz).
B: <<Pronto?>>
D: <<Sono io.>>
B: <<Io chi?>>
D: <<Il Presidente dello Zimbawe.>>
B: <<Lo Zimbawe ha un presidente?>>
D: <<Credi davvero che qualcuno ti informerebbe dell’eventuale inesistenza del Presidente dello Zimbawe dopo essersi presentato come tale?>>
B: <<Diana, che vuoi?>> chiede mettendosi a ridere.
D: <<Stavo pensando…>>
B: <<Adesso sì che mi spaventi.>>
D: <<Stavo pensando di fare qualcosa per smuovere la situazione.>>
B: <<Tipo un rave?>>
D: <<Sì, ai rave si vendono un casino di libri… Dai, seriamente, non so più cosa fare davanti ad un pubblico che spende milioni di euro per comprare in libreria la carta igienica di Stephenie Meyer, ma che andrebbe pagato per leggere qualcosa di diverso.>>
B: <<Tu non segui The Walking Dead?>>
D: <<Sì, lo adoro.>>
B: <<Beh, allora usa questa passione e combinala al metodo Meyer.>>
D: <<…>>
B: <<Pronto?>>
D: <<Credo di non aver capito; cioè, più che altro lo spero.>>
B: <<Una storia d’amore fra una liceale e uno zombie!>>
D: <<Ma come…?>>
B: <<Ma sì, dài, lui arriva in città, tutti lo prendono in giro perché è una frana in ginnastica, ma lei è l’unica a capace di vedere il romanticismo dietro alla sua lentezza di movimento, la sensualità nei suoi gemiti.>>
D: <<Potrei vomitare…>> (Cit.)
B: <<Non essere superficiale: anche gli zombie possono nutrire sentimenti!>>
D: <<Barbara, l’unica cosa che gli zombie nutrono è il loro stomaco, quando ancora ne hanno uno.>>
B: <<Ma, a proposito, quando non hanno più lo stomaco, dove finisce quello che mangiano?>>
D: <<Non credo di volerlo sapere.>>
B: <<Dovresti! Altrimenti come parlerai, nel tuo prossimo libro, del momento in cui lui le presenta la sua non-morta famiglia?>>.
D: <<Barbara, non scriverò mai un simile abominio…>>
B: <<Ma perché? Guarda che ne potrebbe venir fuori una bella storia d’amore!>>
D: <<Di sicuro darei un nuovo significato al termine “relazione carnale”>>.
B: <<Vedi che cominci a trovare anche tu gli aspetti positivi dell’idea?>>
D: <<Per renderlo davvero spaventoso potrei scrivere un passaggio in cui lo zombie dedica alla ragazza una canzone di Vasco Rossi.>>
B: <<”Se Mordo una fragola mordo anche te” diventerebbe una frase con un sapore tutto diverso.>>
D: <<Almeno i vari rantoli fra una strofa e l’altra avrebbero senso di esistere.>>
B: <<Poi, nel caso in cui qualche regista dovesse decidere di creare la versione cinematografica del tuo romanzo, avresti già un’idea per il protagonista.>>
D: <<Tutto ciò diventa sempre più spaventoso.>>
B: <<Vedi? Così rimarresti comunque in qualche modo fedele a ciò che ci si aspetta da un racconto sugli zombie.>>
D: <<Ma mi spieghi come dovrebbe fare uno zombie ad andare a scuola e studiare?>>
B: <<Potrebbe essere una frana negli studi e per questo i genitori di lei potrebbero opporsi alla storia; sarebbe uno spunto in più!>>
D: <<Certo, mia figlia torna a casa con uno zombie e io mi preoccupo dei suoi voti!>>
B: <<Basta ambientare la storia in America.>>
D: <<Eh?>>
B: <<Beh, potrebbe andare così in un Paese in cui trovi granate in regalo nell’Happy Meal, ma la colpa delle stragi nelle scuole viene data ai videogiochi.>>
D: <<Dunque, ricapitolando: lui zombie liceale, lei umana liceale, lui per ovvie ragioni non è un bravo studente, quindi la famglia di lei si oppone…>>
B: <<Se poi vuoi aggiungere la tematica sociale, lui può essere uno Zombie nero e povero proveniente dallo Zimbawe.>>
D: <<Sì, poi intitolo il libro “Indovina Chi Viene a Cena?”?>>
B: <<No: si parla di uno zombie, quindi lo intitoli “Indovina Chi È la Cena”.>>

(*) Chick = Pollastra


Posted May 4, 2014 by Delia in category "Desperate Housewriter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *